Richiesta sussidi.

Richiesta materiale 2020/2021

SI COMUNICA CHE

IL CTI E’APERTO TUTTI I GIORNI DALLE ORE 11:30 ALLE ORE 13.30 PER LA RICHIESTA DI  PRESTITO DEI SUSSIDI DIDATTICI.

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Decreto legislativo n°96 del 7 agosto 2019

Il decreto legislativo n°96 del 7 agosto 2019 (Decreto inclusione)  ha apportato delle novità rispetto al D.LGS. n. 66/17 Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità.
Tra le novità è previsto che il Piano Didattico Individualizzato, non sarà più elaborato su schemi standard ma si terrà conto delle caratteristiche del singolo studente. Un ulteriore innovazione del Piano Educativo Individualizzato era stata introdotta dal DM 66/ 2017 che prevede l’uso, all’interno del documento, della classificazione ICF-CY. Questo implica l’adozione di un approccio molto più rigoroso e scientifico nella verifica delle potenzialità dell’alunno e nella strutturazione del percorso formativo.

Il Piano educativo individualizzato (PEI) è un documento nel quale vengono dettagliate tutte le informazioni dell’alunno, abilità, competenze, ambienti di apprendimento al fine di attuare le strategie didattico educative per il successo formativo dell’alunno. A partire dal 1° gennaio 2019, il PEI deve essere redatto tenendo conto della classificazione ICF (Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute) promossa dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).
La scadenza del PEI in formato ICF è fissata al 30 novembre per consuetudine.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

CORSO ONLINE Information Literacy – FONDAZIONE A.R.C.A

La Fondazione A.R.C.A. – Onlus ha deciso di leggere questo momento di emergenza sanitaria come momento di cambiamento e rinnovamento interno e ha provveduti alla progettazione di una piattaforma per la Formazione a distanza: Fondazione A.R.C.A. Smart.

Tra i corsi proposti, quello di Information Literacy: risorse in rete di ambito divulgativo-scientifico ed educativo (PubMed, Google Scholar, Redattore sociale, Campustore, ecc.). Come non essere cittadino di Serie B, tenuto dai docenti: Francesca Pongetti, Bibliotecaria, Presidente della Fondazione A.R.C.A. – Onlus e referente in AIB – Commissione nazionale delle Biblioteche pubbliche, Consulente disabilità intellettive e relazionali, e Stefano Giuliodoro, Esperto della ricerca e dell’utilizzo delle banche dati in internet, già Coordinatore del Centro Studi e Documentazione ASUR AV2 di Ancona.

L’alfabetizzazione delle informazioni significa sapere quando e perché si ha bisogno di informazioni, dove trovarle, come valutarle, usarle e comunicarle in modo etico. In questo contesto gli aspetti fondamentali sono due: la centralità dell’informazione di qualità e le potenzialità di accesso all’informazione, anche in stretta connessione con le nuove tecnologie dell’informazione.
Oggi più che mai cresce la voglia di essere informati; c’è voglia di informarsi anche per  attivare una catena di solidarietà sulle fonti attendibili da trasmettere cercando di allontanarci dalle tante fake news che la rete ci presenta quotidianamente.
Il corso è costituito da 4 moduli separati.
Per consultare calendario e maggiori informazioni sul programma, è possibile consultare la pagina del sito http://www.fondazionearca.org/wp/information-literacy-risorse-in-rete-di-ambito-divulgativo-scientifico-ed-educativo-pubmed-scholar-redattore-sociale-campustore-ecc-come-non-essere-cittadino-di-serie-b/)
Il primo modulo di 4 ore avrà inizio Mercoledì 20 maggio, e si terrà a cadenza settimanale fino al 10 giugno.

Moduli:
1. Information Literacy: Come fare ricerca e rendersi soddisfatti e felici anche nel tempo post Coronavirus.  4 h
2. Information Literacy in “COMUNICAZIONE AGEVOLATA”: percorso condiviso includendo il mondo scolastico.  2 h
3. Information Literacy per tutti nell’ambito educativo: Google Scholar, Campustore ed altri contenuti in ambito scolastico (contenuti da attivare non solo in una didattica a distanza). Include anche questionario ed esercitazioni.   2 h
4. La didattica trasversale per tutti sul web e Risorse per raccontarsi sul web (cacce al tesoro, “mappe”, e-book personalizzato, ecc.)   2 h
 
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

INTERVENTO A SCUOLA CON DSA E BES

Corinaldo 21-3-2020

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Segnaliamo la XXIX Settimana Psicopedagogica “L’intervento a scuola su DSA e BES diretta dal Prof. Cesare Cornoldi, che si svolgerà dal 2 al 4 Luglio 2020 presso l’Istituto Paolo Ricci di Civitanova Marche. 

L’evento è rivolto a insegnanti e altri operatori coinvolti nell’attività didattico-educativa nel campo dei DSA e BES e fornisce il quadro dei risultati recenti della ricerca psicopedagogica, offrendo materiale pratico per la realizzazione di progetti didattici personalizzati in base al profilo dell’alunno. 

Tal evento è organizzato dall’Associazione AIRIPA, ente accreditato presso il MIUR, ed è valido come formazione ai sensi della L. 107/2015,in collaborazione con ASP PAOLO RICCI.

In allegato può consultare il programma dettagliato dell’evento formativo, ricco di novità rispetto alle precedenti edizioni. 

Le saremo grati se vorrà considerare questo invito e farlo conoscere a eventuali altri interessati. 

Cordiali saluti 

Segreteria scientifica e organizzativa 

Dott. Alessandro La Neve 

Dott.ssa Elisabetta Morelli 

Dott.ssa Alessandra Ravaschieri 

Dott.ssa Giulia Menghi

https://documentcloud.adobe.com/link/track?uri=urn%3Aaaid%3Ascds%3AUS%3Ae2aaf20a-1de7-4445-86d8-e9a71e10b67d

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Decreto Legge n. 66 del 13 aprile 2017

decreto-legislativo-66-del-13-aprile-2017-inclusione-scolastica-studenti-con-disabilita (1)

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

DECRETO USR MARCHE FONDI PER SUSSIDI TECNICI.

Decreto USR Marche Fondi per Suussidi Tecnici – scad. 12_10_2019

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

PORTALE PER L’INCLUSIONE SCOLASTICA.

Il Portale italiano per l’inclusione scolastica è una risorsa dedicata ad alunni e studenti con Bisogni Educativi Speciali, a disposizione di docentidirigenti scolastici e famiglie, che qui possono trovare riferimenti normativi e materiale scientifico, strumenti didattici e per la formazione, oltre che uno spazio di condivisione e confronto sulle esperienze maturate.

http://bes.indire.it/

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il Pei torna a quantificare le ore di sostegno.

Fonte Anffas

Fonte www.vita.it – Il Miur modifica il decreto 66/2017 sull’inclusione scolastica e ne rinvia l’entrata in vigore.

«Lasciatemelo dire, qui siamo di fronte a una piccola grande rivoluzione»: così il sottosegretario Salvatore Giuliano in un video su facebook ha annunciato le modifiche presentate dal MIUR al decreto legislativo 66/2017, quello che a margine della Buona Scuola aveva ridisegnato l’inclusione scolastica. Il decreto avrebbe dovuto entrare in vigore con il 1 gennaio 2019 con tutte le sue novità, fra cui un nuovo sistema di analisi dei bisogni e del funzionamento degli alunni da cui far scaturire la predisposizione e l’attuazione dei vari supporti e sostegni. Miur e Ministero della Salute però i decreti attuativi non li avevano ancora definiti. Il 3 dicembre scorso, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, il Miur ha convocato l’Osservatorio dopo aver presentato poche ore prima agli esperti che lo compongono le proposte di modifica al decreto legislativo 66/2017. Un decreto che diverse associazioni aveva definito come «l’emblema di un arretramento culturale e tecnico». L’entrata in vigore del decreto 66 sarà quindi verosimilmente rinviata, per poter mettere a punto le novità.

Quali sono le novità? Per il sottosegretario Giuliano hanno tutte a che fare essenzialmente con il fatto che il decreto 66 «poneva un problema serio, non tiene adeguatamente conto del parere della famiglia e dalla scuola, dunque non tiene adeguatamente conto del contesto e della situazione personale del ragazzo. La disabilità, lo dice l’Onu, è il rapporto tra le condizioni di salute e il contesto, non dipende solo dalle condizioni mediche ma anche da come la scuola e la città riescono a facilitare i percorsi di apprendimento».

La prima criticità riguardava la quantificazione delle ore di sostegno, che ad oggi veniva scritta nel PEI e (la quantificazione delle ore di sostegno nel PEI era ciò che in questi anni ha consentito a tantissime famiglie di presentare ricorso nel caso in cui le ore di sostegno riconosciute fossero meno di quelle scritte nel PEI e tutte hanno vinto il ricorso) mentre con il decreto 66 invece nel PEI sarebbero stati indicati i sostegni ma non quantificati, mentre ad assegnare le risorse sarebbe stato di fatto l’Ufficio scolastico regionale, un soggetto lontano dal contesto della singola scuola e del singolo ragazzo. Ora invece – conferma la FISH* – «verrà reinserito nel Piano Educativo Individualizzato (PEI) l’obbligo di indicare espressamente il monte ore di sostegno e di assistenza all’educazione e alla comunicazione», un passo «molto importante per alunni e famiglie».

Altri punti di modifica riguardano i Gruppi per l’Inclusione Territoriale (GIT), modifiche che per la FISH sono «forse ancora da raffinare». Il GIT per Giuliano diventa «un gruppo tecnico esterno di supporto alla scuola e agli insegnanti, dando loro elementi per analizzare bene il contesto». Ma in modalità “revisione” sono anche altri passaggi sulla continuità didattica e sui tempi di presentazione del PEI.

Fish e Fand, le due Federazioni che nell’Osservatorio rappresentano le associazioni, «hanno accolto con favore il recepimento di alcune proposte già espresse e relative proprio al decreto legislativo 66/2017 (Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità). Su tutti gli aspetti le Federazioni hanno indicato correzioni e aggiustamenti specifici che il Ministero si è dichiarato disponibile a integrare nello schema di disegno di legge».

Il sottosegretario Salvatore Giuliano al termine della lunga e intensa seduta, in cui si è discusso articolo per articolo la bozza di riforma del d.Lgs. 66/2017, ha dichiarato: «Sono davvero orgoglioso che, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, siamo riusciti a promuovere un vero e proprio cambio di passo nel campo dell’inclusione scolastica. Abbiamo lavorato, tutti insieme, per modificare i concetti di fondo con cui guardiamo agli alunni con disabilità, abbiamo voluto, concretamente, promuovere la crescita della cultura inclusiva della scuola». Analoga soddisfazione è stata espressa dai due presidenti delle Federazioni, Franco Bettoni (FAND) e Vincenzo Falabella (FISH), «che comunque manterranno la consueta vigile attenzione sui dettagli applicativi degli atti successivi».

Sempre in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, il Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana insieme al Presidente Conte e al Sottosegretario Zoccano, ha spiegato di aver già predisposto la «prima bozza del codice della Disabilità, la prima operazione di riforma del sistema di tutela e sostegno ispirata alla semplificazione, che guarda alla persona con disabilità in un’ottica multidimensionale, attenta cioè alla sua dimensione materiale e relazionale e ai componenti della famiglia che ne hanno effettivamente cura». Tra i prossimi obiettivi ha annunciato anche il riconoscimento della Lingua Italiana dei Segni, in particolare giovedì 6 dicembre, «è stato presentato un protocollo d’intesa per l’avvio del primo progetto di formazione rivolto a docenti di sostegno per acquisire le necessarie competenze nell’ambito della Lingua dei Segni Italiana». In previsione anche«un protocollo con Inps e Guardia di Finanza per il contrasto ai falsi invalidi», con il ministro che ha sottolineato come «non vogliamo gravare su chi ha effettivamente disabilità ma concentrare i controlli in quelle zone in cui si registrano numeri anomali». Ribaditi gli aumenti in legge di bilancio 2019 per il fondo per la non autosufficienza – portato da 450milioni a 550 milioni di euro – e per il Fondo per le Politiche sociali – potenziato da 280milioni di euro a 400milioni di euro – più «225milioni di euro per il trasporto dei cittadini con disabilità e il via libera alla Disability Card per semplificare l’accesso ai servizi convenzionati». Per quanto riguarda l’aumento delle pensioni di inabilità, «è un tema che si affronterà in sede di affinamento della disciplina del reddito di cittadinanza».

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Una preziosa guida sull’inclusione scolastica.(fonte Anffas)

Fonte www.superando.it – È ormai dalla fine degli Anni Novanta che l’Osservatorio Scolastico dell’AIPD Nazionale (Associazione Italiana Persone Down) informa e offre consulenze specifiche sul tema dell’inclusione scolastica degli alunni con sindrome di Down o anche con altre disabilità, sia dal punto di vista normativo-giuridico che psico-pedagogico.
Un nuovo utile, strumento prodotto nei giorni scorsi e curato da Salvatore Nocera Nicola Tagliani, responsabili appunto dell’Osservatorio, è la Guida sull’inclusione scolastica degli alunni con disabilità in Italia. Diritti e Doveri (disponibile a questo link), che vuole essere una sorta di vademecum completo e di facile consultazione, rivolto innanzitutto alle famiglie, ma anche agli operatori della scuola, agli Enti Locali e a tutti coloro che possono essere interessati a sapere ciò che la normativa italiana prevede per l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità.

«Conoscere e condividere le norme – spiegano dall’Osservatorio Scolastico dell’AIPD – vuol dire sapere quali sono i ruoli di ciascuno, cosa è previsto e cosa deve essere garantito, senza pensare di dover chiedere o concedere “favori”. Tutto questo pone le basi per una reale collaborazione scuola-famiglia, elemento indispensabile per un’inclusione scolastica che sia efficace ed utile per tutti gli attori coinvolti, primi fra tutti gli alunni con disabilità. Speriamo pertanto di apportare un contributo utile, affinché l’inclusione scolastica aumenti sempre più in qualità e diventi realmente premessa per una più ampia inclusione sociale delle persone con disabilità». 

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento